Articoli

LA RESPONSABILITÀ DELL’APPALTATORE EX ART. 1669 C.C. SI ESTENDE ANCHE AI CASI DI INTERVENTI MODIFICATIVI E MANUTENTIVI.

Inserito da dott. Mattia Gris il 4 Aprile 2017

I partecipanti ad un condominio, avevano convenuto in giudizio innanzi al Tribunale la società venditrice, nonché la società, che su incarico di quest’ultima aveva eseguito sull’edificio degli interventi di ristrutturazione edilizia. I condomini, in sostanza chiedevano la condanna al risarcimento dei danni in solido delle due società per i gravi difetti di costruzione riscontrati a seguito dei...

Punita per diffamazione la suocera che insulta la nuora in presenza dei figli di questa nonostante i minori siano in tenera età

Inserito da avv. Alessandro Tonon il 2 Aprile 2017

I bambini di tenera età, anche se non comprendono appieno il significato delle parole, tendono a ripetere quanto udito dagli adulti. E' quindi evidente, secondo la Suprema Corte, che vi fosse il concreto pericolo che i minori ripetessero quanto detto dalla suocera, posto che sarebbero diventati potenziali mezzi di diffusione del messaggio diffamatorio. leggi la sentenza

IL TOUR OPERATOR È TENUTO AL RISARCIMENTO NEL CASO IN CUI IL VIAGGIATORE SUBISCA UNA RAPINA CON LESIONI NEL CORSO DELLA VACANZA.

Inserito da dott. Mattia Gris il 29 Marzo 2017

  Il caso prende le mosse dalla richiesta di risarcimento danni avanzata da un soggetto che aveva subito una rapina di un orologio. Nello specifico, il soggetto in questione, aveva prenotato le vacanze estive presso una società che svolgeva l’attività di tuor operator. All’interno del villaggio turistico presso cui stava godendo delle vacanze prenotate, subiva per l’appunto...

licenziabile il dipendente che si rifiuta di eseguire un intervento durante il turno di reperibilità

Inserito da dott. Gris Mattia il 29 Marzo 2017

Il caso in esame prende le mosse da un licenziamento disciplinare. In sostanza, il lavoratore, nella sua qualità di tecnico reperibile e responsabile d’emergenza, si era rifiutato di attivarsi a fronte di due successive sollecitazioni di intervento per un calo di pressione e una fuga di gas.  Il dipendente impugnava perciò il licenziamento intimatogli innanzi al...

cancellare dei file pedopornografici non è sempre sufficiente per evitare la condanna per la loro detenzione

Inserito da Avv. Alessandro Tonon il 26 Marzo 2017

Nell'ambito dei reati pedopornografici, commessi tramite condivisione di files presenti nella memoria di un personal computer, non ha alcuna rilevanza il loro mero trasferimento nel cestino del sistema operativo in quanto gli stessi restano comunque disponibili mediante la semplice riattivazione dell'accesso al file.  Al contrario, la loro definitiva cancellazione dal computer escluderebbe la detenzione materiale dei files pedopornografici...

In caso di incidente, il conducente è responsabile se il passeggero non indossa la cintura di sicurezza

Inserito da avv. Alessandro Tonon il 26 Marzo 2017

"Il conducente di un veicolo è tenuto, in base alle regole della comune diligenza e prudenza, ad esigere che il passeggero indossi la cintura di sicurezza ed, in caso di sua renitenza, anche a rifiutarne il trasporto o ad omettere l’intrapresa della marcia. Ciò a prescindere dall’obbligo e dalla sanzione a carico di chi deve...

Esposizione all'amianto: diritto ad una maggiorazione contributiva

Inserito da dott. Mattia Gris il 20 Marzo 2017

AI FINI DELL’OTTENIMENTO DELLA MAGGIORAZIONE CONTRIBUTIVA, È SUFFICIENTE PROVARE L’AVVENUTA L’ESPOSIZIONE ALL’AMIANTO DURANTE L’ATTIVITÁ LAVORATIVA.   Un ex dipendente delle Ferrovie Sud – Est srl, aveva promosso domanda innanzi al Tribunale affinché fosse riconosciuto il suo diritto ad ottenere una maggiorazione contributiva (prevista dall’art. 13, comma 8 della legge 257/1992), per essere stato esposto, per un periodo ultradecennale, all’amianto. Il...

dichiarare falsamente che "alla guida c'era un altro" comporta una condanna per falso

Inserito da avv. Alessandro Tonon il 18 Marzo 2017

Allorquando si attesti in un atto pubblico una circostanza falsa, si commette il reato di falso ideologico. E' quindi evidente che se si dichiara che alla guida si trovava una persona diversa del reale contravventore, si commette un reato punito con pena detentiva. La dichiarazione infatti, se effettuata in un atto pubblico è destinato a...

"ti faccio piangere" configura una minaccia anche se non si passa alle vie di fatto

Inserito da avv. Alessandro Tonon il 18 Marzo 2017

Per sussistere il reato di minaccia non occorre che dopo che sia stata pronunciata si passi alle vie di fatto. E' infatti sufficiente una limitazione psichica derivante dal pericolo percepito a seguito della minaccia proferita. Se il male minacciato è ingiusto e la condotta ha intimorito la vittima, il reato è da considerarsi consumato. Ovviamente se...