è reato pubblicare su social network frasi diffamatorie

Inserito da avv. Alessandro Tonon il 18 Maggio 2014

Ai fini della integrazione del reato di diffamazione è sufficiente che il soggetto la cui reputazione è lesa sia individuabile da parte di un numero limitato di persone indipendentemente dalla indicazione nominativa (Sez. 5, n. 7410 del 20/12/2010, rv. 249601). Ed invero, il reato di diffamazione non richiede il dolo specifico, essendo sufficiente ai fini della sussistenza dell'elemento soggettivo della fattispecie la consapevolezza di pronunciare una frase lesiva dell'altrui reputazione e la volontà che la frase venga a conoscenza di più persone, anche soltanto due. Ed ai fini di detta valutazione non può non tenersi conto dell'utilizzazione del social network. Pertanto dopo i primi pronunciamenti dei Giudici di merito che avevano già pronunciato sentenze di condanna per il reato di diffamazione, ora anche la Suprema Corte, conferma che la diffamazione a mezzo facebook o altri social network, costituisce reato perseguibile.