non basta il piano rateale concordato con l'Agenzia delle Entrate per evitare il sequestro dei beni

Inserito da avv. Alessandro Tonon il 25 Marzo 2016

 

Intervenendo successivamente all’introduzione dell’art. 12-bis D. Lgs. n. 74 del 2000, la Terza Sezione ha affermato che, anche in presenza di piano rateale di versamento del debito tributario, la confisca dei beni che costituiscono il profitto o il prezzo di uno dei delitti previsti dal citato decreto legislativo continua ad essere consentita per gli importi che non sono stati ancora corrisposti all’Erario, così continuando ad essere consentito anche il sequestro preventivo a detta confisca finalizzato.

 

per leggere la sentenza clicca qui