Articoli filtrati per 'licenziamento'

usi per fini privati il computer aziendale? meglio non esagerare per non rischiare il licenziamento

Inserito da avv. Alessandro Tonon il 18 Giugno 2017

  La Suprema Corte ha ritenuto legittimo il licenziamento del dipendente che ha utilizzato per troppo tempo, per fini privati, il computer aziendale. A nulla è valso sostenere, da parte del dipendente, di non aver saputo del divieto di utilizzo dell'attrezzatura aziendale per fini privati, posto che si è ritenuto che "non poteva non essere nota l'illiceità"...

"allungamento delle ferie" con certificato medico falso? licenziamento legittimo

Inserito da avv. Alessandro Tonon il 15 Aprile 2017

Viene meno il rapporto fiduciario nel caso in cui un dipendente fornisca un certificato medico al fine di allungarsi il periodo di congedo. Questo anche se il certificato medico non viene contestato e si sia trattato solo di aver simulato un aggravamento della malattia indicata nel certificato medico.   leggi la sentenza

licenziabile il dipendente che si rifiuta di eseguire un intervento durante il turno di reperibilità

Inserito da dott. Gris Mattia il 29 Marzo 2017

Il caso in esame prende le mosse da un licenziamento disciplinare. In sostanza, il lavoratore, nella sua qualità di tecnico reperibile e responsabile d’emergenza, si era rifiutato di attivarsi a fronte di due successive sollecitazioni di intervento per un calo di pressione e una fuga di gas.  Il dipendente impugnava perciò il licenziamento intimatogli innanzi al...

PUBBLICARE SU FACEBOOK UNA VIGNETTA SATIRICA SUL PROPRIO DATORE DI LAVORO NON GIUSTIFICA L’INTIMAZIONE DI UN LICENZIAMENTO DISCIPLINARE.

Inserito da dott. Mattia Gris il 3 Febbraio 2017

  La vicenda oggetto della recente pronuncia della Suprema Corte (Sentenza n. 2499 del 31.01.2017), prende le mosse da un licenziamento intimato ad un dipendente d’azienda. In particolare, tale soggetto, assunto a tempo indeterminato, aveva pubblicato su una chat privata di Facebook, nella quale i lavoratori dell’azienda si scambiavano informazioni in vista dell’imminente incontro sindacale che si sarebbe...

E' illegittimo licenziare in tronco un lavoratore dipendente per avere costui una sola volta rimproverato ed offeso il proprio superiore gerarchico

Inserito da Avv. Alberto Timpone il 25 Maggio 2014

Sempre affrontando il tema del licenziamento senza giusta causa, nonché la relativa impugnazione giudiziaria, si evidenzia un’altra massima del Supremo Collegio secondo la quale, un rimprovero ed un'offesa episodica mossa dal lavoratore nei confronti del proprio superiore gerarchico, non può fondare il suo licenziamento per giusta causa. Lo ha stabilito la Sezione Lavoro della Corte di...

Uso del computer aziendale per uso privato non legittima il licenziamento

Inserito da Avv. Alberto Timpone il 11 Maggio 2014

Il datore di lavoro non può irrogare il licenziamento del proprio lavoratore dipendente qualora lo stesso usi il computer aziendale per scopi prettamente personali, nel caso in cui il contratto collettivo applicato preveda per tali inadempimenti - infrazioni delle sanzioni di tipo conservativo, quali l’ammonimento, la multa o la sospensione dal lavoro. “L’utilizzo “improprio” per fini personali...