Lo Studio Legale Tonon è una realtà professionale giovane e dinamica che offre attività di consulenza e assistenza legale principalmente nel campo del diritto penale e civile, avvalendosi di professionisti operanti prevalentemente in dette materie.

L'Avv. Alessandro Tonon, dopo la laurea conseguita presso l’Università degli Studi di Trento, si forma professionalmente attraverso lo studio e l’approfondimento di tematiche attinenti il diritto penale, senza trascurare una formazione civilistica.

Lo Studio si avvale inoltre della collaborazione di professionisti che svolgono la loro attività prevalentemente nei settori del diritto civile e del diritto del lavoro che consentono allo Studio di offrire ai propri clienti una consulenza ed assistenza interdisciplinare. Si ritiene infatti che ogni singola problematica debba essere affidata al professionista maggiormente esperto della materia non essendo più ammissibile la figura dell’avvocato “generalista” che difficilmente potrà conoscere a perfezione tutte le materie dell’ordinamento giuridico.

Recenti pubblicazioni

Stalking per la donna che molesti l'ex e sua moglie attraverso messaggi e mail ingenerando nei soggetti uno stato d'ansia.

Il reato di stalking, ex art. 612 bis c.p., è un reato di evento di danno, a fattispecie alternative, integrato anche da due sole condotte di minaccia o molestia. La molestia è riconducibile a tutte quelle manifestazioni seriali, non necessariamente violente ma manifestamente sgradite in quanto violative della dignità della vittima e creative di un clima non soltanto intimidatorio ma anche ostile ed offensivo. Gli atti persecutori devono sortire sulla psiche della vittima un effetto destabilizzante della sua serenità. L’elemento psicologico, di carattere generico,...

non basta andare piano per evitare contestazioni. Bisogna prevedere anche le imprudenze degli altri

L’obbligo di moderare adeguatamente la velocità in relazione alle caratteristiche del veicolo e alle condizioni ambientali deve essere inteso nel senso che il conducente deve essere non solo sempre in grado di padroneggiare assolutamente il veicolo in ogni evenienza, ma deve anche prevedere le eventuali imprudenze altrui e tale obbligo trova il suo limite naturale unicamente nella ragionevole prevedibilità degli eventi, oltre il quale non è consentito parlare di colpa. Il principio dell’affidamento, in tema di circolazione stradale, trova un temperamento,...

Lecito farsi la scorta di stupefacenti

La Suprema Corte torna sul tema della detenzione di sostanze stupefacenti. Nel caso di cui alla sentenza allegata, si è affermato che non è reato acquistare un quantitativo superiore di sostanza stupefacente. Se si tratta di soggetto tossicodipendente, che si reca in altra città per l'acquisto dello stupefacente, è verosimile dedurre, in assenza di altri elementi, che l'acquisto sia stato effettuato per uso personale. Irrilevante che lo stupefacente fosse diviso in dosi, posto che lo stesso acquisto della sostanza avviene...

usi per fini privati il computer aziendale? meglio non esagerare per non rischiare il licenziamento

La Suprema Corte ha ritenuto legittimo il licenziamento del dipendente che ha utilizzato per troppo tempo, per fini privati, il computer aziendale. A nulla è valso sostenere, da parte del dipendente, di non aver saputo del divieto di utilizzo dell'attrezzatura aziendale per fini privati, posto che si è ritenuto che "non poteva non essere nota l'illiceità" di un tale tipo di comportamento. Si è ritenuto in particolare violato l'obbligo di diligenza che deve necessariamente ricomprendere anche i comportamenti accesso alla...

Leggi tutti gli articoli