non sempre le analisi del sangue sono prova della guida in stato d'ebbrezza

Inserito da avv. Alessandro Tonon il 28 Dicembre 2016

Il Tribunale di Ascoli Piceno ha assolto un automobilista in quanto non ha ritenuto valido l'accertamento eseguito tramite una metodica, segnatamente un test immuno - enzimatico, che è routinariamente utilizzato per scopi clinici e terapeutici. L'accertamento così eseguito non è stato ritenuto sufficiente per ritenere provato il reato. In particolare si è osservato che il test è stato effettuato sul plasma, ove la concentrazione di alcol è molto più elevata rispetto a quella che ci sarebbe nel sangue, se fosse analizzato nella sua interezza. Inoltre, nei casi di prelievo a scopi legali, andrebbero attuate delle procedure particolari, che, nel caso di specie, non sono state rispettate e, segnatamente, l'uso di sostanze disinfettanti prive di alcol, assenza di preservante in provetta, conservazione di un campione per le controanalisi). Tutti questi elementi, unitamente al fatto che la metodica analitica impiegata, immuno - enzimatica su plasma anziché su sangue, rendono il valore alcolemico riportato nel referto posto a base della contestazione non utilizzabile ai fini forensi. 

leggi la sentenza