Lo Studio Legale Tonon è una realtà professionale giovane e dinamica che offre attività di consulenza e assistenza legale principalmente nel campo del diritto penale e civile, avvalendosi di professionisti operanti prevalentemente in dette materie.

L' Avv. Alessandro Tonon, dopo la laurea conseguita presso l’Università degli Studi di Trento, si forma professionalmente attraverso lo studio e l’approfondimento di tematiche attinenti il diritto penale, senza trascurare una formazione civilistica.

Lo Studio si avvale inoltre della collaborazione di professionisti che svolgono la loro attività prevalentemente nei settori del diritto civile e del diritto del lavoro che consentono allo Studio di offrire ai propri clienti una consulenza ed assistenza interdisciplinare. Si ritiene infatti che ogni singola problematica debba essere affidata al professionista maggiormente esperto della materia non essendo più ammissibile la figura dell’avvocato “generalista” che difficilmente potrà conoscere a perfezione tutte le materie dell’ordinamento giuridico.

 

In particolare in materia penale, lo Studio offre tra l’altro, assistenza e consulenza a coloro i quali, nella veste di indagati, imputati, persone offese o danneggiate dal reato, si trovino ad affrontare procedimenti penali  in materia di stupefacenti, di reati contro la persona (omicidio, percosse, lesioni personali dolose e/o colpose, omicidio preterintenzionale, pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili, morte o lesioni come conseguenza di altro delitto, omicidio colposo), contro la libertà personale (sequestro di persona, violenza sessuale, atti sessuali con minorenne), contro il patrimonio (furto, rapina, estorsione, sequestro di persona, ricettazione, estorsione), contro la P.A. (violenza o minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, peculato, omissione d’atti d’ufficio, concussione, corruzione), reati tributari, reati stradali (lesioni e omicidio stradale, guida in stato d’ebbrezza, omissione di soccorso), reati da malpractice medico-sanitarie, reati in materia di violazione delle norme  sulla sicurezza sul lavoro; reati informatici (accesso abusivo a sistema informatico), reati di bancarotta e reati fallimentari.

In materia civile, lo Studio offre assistenza sia in sede stragiudiziale che in caso di contenzioso, nel diritto di famiglia (separazioni, divorzi), nel diritto delle obbligazioni, nei diritti reali (il diritto di proprietà, diritto di superficie, l’enfiteusi, l’usufrutto, l’uso, l’abitazione, le servitù prediali, il pegno, l’ipoteca), nelle successioni a causa di morte, nella responsabilità civile.

Particolare focus viene dato al settore del risarcimento del danno da sinistri stradali, da colpa medica e infortuni sul lavoro, tutelando gli interessi delle vittime e dei loro prossimi congiunti. In particolare, in caso di eventi mortali o di sinistri in cui la persona abbia riportato lesioni gravi o gravissime, (comprese le perdite di chance ed il risarcimento dei danni riportati dai congiunti), si presta assistenza sia nella fase stragiudiziale che giudiziale.

Quand’anche la sede dell’attività svolta investa principalmente il territorio di Bolzano e Provincia (Brunico, Bressanone, Vipiteno, Silandro, Merano), gli avvocati dello Studio operano anche su altri Fori italiani.

Recenti pubblicazioni

REVISIONE DELL’ASSEGNO DIVORZILE? SÌ PURCHÈ VI SIANO EFFETTIVE MODIFICHE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA.

L’art. 9 della legge 898/1970, afferma che, per ottenere una revisione delle condizioni economiche previste con il divorzio, debbano sussistere “giustificati motivi”. La Suprema Corte di Cassazione, ha quindi in più riprese affermato che per “giustificati motivi”, devono intendersi quei mutamenti sopravvenuti rispetto alla decisione di divorzio che, ad esempio, possono consistere in: a) un peggioramento delle condizioni economiche dell'obbligato (ad esempio, a causa di licenziamento, dimissioni, pensionamento, riduzione delle entrate economiche, cessazione dell'attività professionale, insorgenza di malattie), b) in un...

COLTIVI A CASA LA MARIJUANA? SCATTA IL REATO SE LA QUANTITÀ DELLO STUPEFACENTE NON PUÒ RITENERSI DESTINATA AD UN USO ESCLUSIVAMENTE PERSONALE.

La Cassazione, ribadendo un principio già espresso dalle Sezioni Unite della medesima Corte all’udienza di data 19.12.2019, ha affermato che il reato di coltivazione di stupefacenti, è configurabile indipendentemente dalla quantità di principio attivo ricavabile nell’immediatezza, essendo sufficienti la conformità della pianta al tipo botanico previsto e la sua attitudine, anche per le modalità di coltivazione, a giungere a maturazione e a produrre sostanza stupefacente. La medesima Corte, tuttavia, ha altresì statuito come debbano ritenersi non penalmente rilevanti, le attività di...

SPACCIO DI LIEVE ENTITÀ? VALUTABILE SOLTANTO ALL’ESITO DI UN ANALISI COMPLESSIVA DI TUTTI GLI INDICI PREVISTI NEL COMMA 5 DELL’ART. 73 DEL DPR 309/90.

La Corte di Cassazione (sentenza n. 49897 dd. 10.12.2019), ha ribadito come, ai fini del riconoscimento o dell’esclusione del fatto di lieve entità previsto dall’art. 73, comma 5, D.P.R. n. 309/90, sia necessario procedere ad una valutazione complessiva degli indici elencati nella disposizione stessa (mezzi, modalità, circostanze dell’azione, quantità e qualità delle sostanze). In sostanza, affermano i magistrati, il Giudice non può e non deve utilizzare tali indici alternativamente, riconoscendo o escludendo, la lieve entità del fatto anche in presenza...

ACQUISTI UN BENE DIFETTOSO? OLTRE AI RIMEDI PREVISTI DAL CODICE DEL CONSUMO, HAI DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO.

La Cassazione ha specificato nuovamente (sentenza n. 1082/20) come il consumatore, qualora acquisti un bene che presenti difetti di conformità di cui il professionista debba rispondere, possa, ai sensi dell’art. 130 del codice del consumo, esperire uno dei seguenti rimedi: riparazione del bene, sostituzione dello stesso, riduzione del prezzo, risoluzione del contratto. Il Supremo consesso specifica altresì come al consumatore, al di là dei rimedi sopradetti, spetti comunque il diritto al risarcimento del danno subito e ciò perché, argomenta la Corte,...

Leggi tutti gli articoli