Lo Studio Legale Tonon è una realtà professionale giovane e dinamica che offre attività di consulenza e assistenza legale principalmente nel campo del diritto penale e civile, avvalendosi di professionisti operanti prevalentemente in dette materie.

L' Avv. Alessandro Tonon, dopo la laurea conseguita presso l’Università degli Studi di Trento, si forma professionalmente attraverso lo studio e l’approfondimento di tematiche attinenti il diritto penale, senza trascurare una formazione civilistica.

Lo Studio si avvale inoltre della collaborazione di professionisti che svolgono la loro attività prevalentemente nei settori del diritto civile e del diritto del lavoro che consentono allo Studio di offrire ai propri clienti una consulenza ed assistenza interdisciplinare. Si ritiene infatti che ogni singola problematica debba essere affidata al professionista maggiormente esperto della materia non essendo più ammissibile la figura dell’avvocato “generalista” che difficilmente potrà conoscere a perfezione tutte le materie dell’ordinamento giuridico.

Recenti pubblicazioni

anche in coda, la cintura va sempre mantenuta allacciata

La Suprema Corte di Cassazione, con una recente ordinanza (n. 20230 dd. 31.07.2018), ha statuito che quando il veicolo è in fila nel traffico, anche se momentaneamente in arresto, il conducente è tenuto in ogni caso ad indossare le cinture, mentre l’esenzione da tale obbligo scatta solamente durante la fermata e la sosta. Nel caso di specie l’automobilista infrazionato, adduceva a sostegno della propria tesi difensiva proprio una precedente sentenza della Corte di Cassazione. La sentenza in questione, però, si riferiva...

Risponde di omissione di soccorso l'utente della strada coinvolto nel sinistro, ma non responsabile dello stesso, che non presta soccorso

In tema di circolazione stradale, il reato di cui all'art. 189, commi 6 e 7, cod. strada è configurabile nei confronti dell'utente della strada coinvolto nel sinistro, pur se non responsabile dello stesso, in quanto l'"incidente", che è comunque ricollegabile al suo comportamento, assume il valore di antefatto non punibile idoneo ad identificare il titolare di una posizione di garanzia al fine di proteggere gli altri utenti coinvolti dal pericolo derivante da un ritardato soccorso.

attenzione ad occupare il posto auto riservato ad un disabile. Si commette reato

Integra il delitto di violenza privata la condotta di colui che occupa il parcheggio riservato ad una specifica persona invalida in ragione del suo "status", impedendone l'accesso, e, quindi, privandola della libertà di determinazione e di azione. (Fattispecie in cui l'imputato aveva abusivamente occupato il parcheggio riservato ad uno specifico disabile dalle 10,40 del mattino alle 2 di notte, ora in cui l'autovettura veniva coattivamente rimossa dalla polizia locale).

il conducente del motoveicolo che perda il controllo del mezzo, non se la cava, dando la colpa al terzo trasportato

Il conducente di una moto, il quale abbia impresso a tale veicolo una velocità eccessiva in curva, in violazione dell'art. 102,[id:527198;1] secondo comma D.P.R. 15 giugno 1959, n. 393, sulla circolazione stradale, tale da determinarne la incontrollabilità ed il conseguente incidente stradale con pregiudizio della incolumità di persona trasportata, non può invocare a propria discolpa e quale causa esclusiva dell'evento la posizione anomala assunta dal corpo della vittima; infatti, secondo i principi di normale prudenza, il conducente è tenuto a prevedere che il trasportato...

Leggi tutti gli articoli