Lo Studio Legale Tonon è una realtà professionale giovane e dinamica che offre attività di consulenza e assistenza legale principalmente nel campo del diritto penale e civile, avvalendosi di professionisti operanti prevalentemente in dette materie.

L' Avv. Alessandro Tonon, dopo la laurea conseguita presso l’Università degli Studi di Trento, si forma professionalmente attraverso lo studio e l’approfondimento di tematiche attinenti il diritto penale, senza trascurare una formazione civilistica.

Lo Studio si avvale inoltre della collaborazione di professionisti che svolgono la loro attività prevalentemente nei settori del diritto civile e del diritto del lavoro che consentono allo Studio di offrire ai propri clienti una consulenza ed assistenza interdisciplinare. Si ritiene infatti che ogni singola problematica debba essere affidata al professionista maggiormente esperto della materia non essendo più ammissibile la figura dell’avvocato “generalista” che difficilmente potrà conoscere a perfezione tutte le materie dell’ordinamento giuridico.

 

In particolare in materia penale, lo Studio offre tra l’altro, assistenza e consulenza a coloro i quali, nella veste di indagati, imputati, persone offese o danneggiate dal reato, si trovino ad affrontare procedimenti penali  in materia di stupefacenti, di reati contro la persona (omicidio, percosse, lesioni personali dolose e/o colpose, omicidio preterintenzionale, pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili, morte o lesioni come conseguenza di altro delitto, omicidio colposo), contro la libertà personale (sequestro di persona, violenza sessuale, atti sessuali con minorenne), contro il patrimonio (furto, rapina, estorsione, sequestro di persona, ricettazione, estorsione), contro la P.A. (violenza o minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, peculato, omissione d’atti d’ufficio, concussione, corruzione), reati tributari, reati stradali (lesioni e omicidio stradale, guida in stato d’ebbrezza, omissione di soccorso), reati da malpractice medico-sanitarie, reati in materia di violazione delle norme  sulla sicurezza sul lavoro; reati informatici (accesso abusivo a sistema informatico), reati di bancarotta e reati fallimentari.

In materia civile, lo Studio offre assistenza sia in sede stragiudiziale che in caso di contenzioso, nel diritto di famiglia (separazioni, divorzi), nel diritto delle obbligazioni, nei diritti reali (il diritto di proprietà, diritto di superficie, l’enfiteusi, l’usufrutto, l’uso, l’abitazione, le servitù prediali, il pegno, l’ipoteca), nelle successioni a causa di morte, nella responsabilità civile.

Particolare focus viene dato al settore del risarcimento del danno da sinistri stradali, da colpa medica e infortuni sul lavoro, tutelando gli interessi delle vittime e dei loro prossimi congiunti. In particolare, in caso di eventi mortali o di sinistri in cui la persona abbia riportato lesioni gravi o gravissime, (comprese le perdite di chance ed il risarcimento dei danni riportati dai congiunti), si presta assistenza sia nella fase stragiudiziale che giudiziale.

Quand’anche la sede dell’attività svolta investa principalmente il territorio di Bolzano e Provincia (Brunico, Bressanone, Vipiteno, Silandro, Merano), gli avvocati dello Studio operano anche su altri Fori italiani.

Recenti pubblicazioni

IL TITOLARE DEL LOCALE NON LIMITA IL CHIASSO DEI CLIENTI FUORI DEL LOCALE? RISCHIA UNA CONDANNA PER DISTURBO DEL RIPOSO DELLE PERSONE

La Suprema Corte di Cassazione (sentenza n. 28570/2019), ha ribadito come il titolare di un locale commette un reato nel caso in cui non intervenga per limitare il rumore prodotto dai clienti presenti all’esterno del locale. I ricorrenti, in particolare, sostenevano l’ingiustizia della condanna in quanto era stato loro addebitato tanto la diffusione di musica in mancanza di adeguata insonorizzazione, che il mancato impedimento dell’assembramento rumoroso degli avventori. Per la difesa, in sostanza, la repressione della movida rumorosa era compito delle...

la vittima di un sinistro stradale, non può mai fungere da testimone in un'eventuale causa concernente quel sinistro

E' assolutamente pacifico, nella giurisprudenza della Suprema Corte, che la vittima di un sinistro stradale, anche se già risarcita, è incapace a deporre nel giudizio pendente tra altra vittima e il responsabile: così Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 12660 del 23.5.2018; nello stesso senso Sez. 3, Sentenza n. 19258 del 29/09/2015, Rv. 636973 - 01; Sez. 3, Sentenza n. 16541 del 28/09/2012, Rv. 623759 - 01; Sez. 3, Sentenza n. 13585 del 21/07/2004, Rv. 575427 - 01. Il principio in...

Se il pedone investito si accinge ad attraversare la strada in un punto poco visibile, ha diritto ad un risarcimento del danno, ma esso deve essere congruamente diminuito.

Nel caso di specie, secondo il Giudice di merito, vige il principio secondo il quale in caso di investimento pedonale il pedone possa essere ritenuto corresponsabile allorché il suo comportamento sia improntato a pericolosità ed imprudenza. Nel caso di specie, era stato accertato che la posizione assunta dalla pedone, ferma in una cunetta, ovvero non sul marciapiede ma in un avvallamento della sede stradale, costituisse una posizione anomala, che la rendeva meno avvistabile e più esposta al pericolo di investimento...

se indossi un casco non omologato (cd. a scodella), non hai diritto al risarcimento del danno per le lesioni al volto

La Suprema Corte, nel caso di un sinistro che si era verificato nel lontano 15 maggio 2008, ha osservato che il giudice di appello, nel ritenere illegale il casco protettivo cd a scodella, ha correttamente deciso. Nel dettaglio il Tribunale rilevava che le lesioni sarebbero state evitate con l'uso di un casco regolare, mentre nel caso di specie, come dichiarato dal teste, l'attore indossava un casco cd a scodella. Si tratta di un accessorio il cui uso non era consentito per i...

Leggi tutti gli articoli