Lo Studio Legale Tonon è una realtà professionale giovane e dinamica che offre attività di consulenza e assistenza legale principalmente nel campo del diritto penale e civile, avvalendosi di professionisti operanti prevalentemente in dette materie.

L' Avv. Alessandro Tonon, dopo la laurea conseguita presso l’Università degli Studi di Trento, si forma professionalmente attraverso lo studio e l’approfondimento di tematiche attinenti il diritto penale, senza trascurare una formazione civilistica.

Lo Studio si avvale inoltre della collaborazione di professionisti che svolgono la loro attività prevalentemente nei settori del diritto civile e del diritto del lavoro che consentono allo Studio di offrire ai propri clienti una consulenza ed assistenza interdisciplinare. Si ritiene infatti che ogni singola problematica debba essere affidata al professionista maggiormente esperto della materia non essendo più ammissibile la figura dell’avvocato “generalista” che difficilmente potrà conoscere a perfezione tutte le materie dell’ordinamento giuridico.

Recenti pubblicazioni

E' consentito sostare sulla corsi d'emergenza per un imminente bisogno fisiologico

Secondo la Corte di Cassazione (sentenza n. 13124 dd. 26.03.2019), il termine malessere non può esaurirsi nella nozione di infermità incidente sulla capacità intellettiva e volitiva del soggetto come prevista dall’art. 88 c.p. o nell’ipotesi di caso fortuito di cui all’art. 45 c.p., bensì nel lato concetto di disagio e finanche di incoercibile necessità fisica anche transitoria che non consente di proseguire la guida con il dovuto livello di attenzione. In esso deve quindi necessariamente ricomprendersi anche l’improvviso quanto impellente...

IN CASO DI SINISTRO STRADALE, IL GIUDICE È OBBLIGATO AD ACCERTARE L’EVENTUALE COLPA DELLA PERSONA OFFESA.

Secondo la Suprema Corte di Cassazione (Cass., sez. IV penale, sentenza n. 16229 dd. 15.04.2019), il Giudice ha sempre l’obbligo di accertare la colpa concorrente della persona offesa o del terzo, in quanto sussiste sempre l’interesse dell’imputato all’accertamento dell’eventuale concorso alla produzione dell’evento, considerati i riflessi negativi che il mancato accertamento potrebbe avere sia sotto l’aspetto dell’entità del risarcimento sia sotto quello della misura della pena da irrogare in relazione ai principi fissati dall’art. 133 c.p. In tema di omicidio e...

colpisci l'avversario a gioco fermo? rischi una condanna per lesioni dolose

Secondo la Suprema Corte non è applicabile la scriminante del rischio consentito, né tantomeno quelle dell'esercizio del diritto o del consenso dell'avente diritto, qualora, nel corso di un incontro di calcio, l'imputato colpisca l'avversario con una testata al di fuori di un'azione ordinaria di gioco, trattandosi di dolosa aggressione fisica per ragioni avulse dalla peculiare dinamica sportiva, considerato che nella disciplina calcistica l'azione di gioco è quella focalizzata dalla presenza del pallone ovvero da movimenti, anche senza palla, funzionali alle...

PENE LEGITTIME PER OMICIDIO E LESIONI STRADALI , MA LA REVOCA DELLA PATENTE NON È SEMPRE AUTOMATICA

Con la recente sentenza n. 88 del 17 aprile 2019 la Consulta è stata chiamata a risolvere più questioni di legittimità costituzionale concernenti i reati stradali contro la persona. I Tribunali di Roma e Torino avevano infatti sollevato tali questioni, ritenendo sussistente la violazione dell’art. 590-quater con gli artt. 3, 25 e 27 della Costituzione, in quanto  sottrae alla comparazione con eventuali attenuanti, escluse quelle relative alla minore età e alla minima partecipazione al fatto pluripersonale colposo, alcune circostanze aggravanti...

Leggi tutti gli articoli