Lo Studio Legale Tonon è una realtà professionale giovane e dinamica che offre attività di consulenza e assistenza legale principalmente nel campo del diritto penale e civile, avvalendosi di professionisti operanti prevalentemente in dette materie.

L' Avv. Alessandro Tonon, dopo la laurea conseguita presso l’Università degli Studi di Trento, si forma professionalmente attraverso lo studio e l’approfondimento di tematiche attinenti il diritto penale, senza trascurare una formazione civilistica.

Lo Studio si avvale inoltre della collaborazione di professionisti che svolgono la loro attività prevalentemente nei settori del diritto civile e del diritto del lavoro che consentono allo Studio di offrire ai propri clienti una consulenza ed assistenza interdisciplinare. Si ritiene infatti che ogni singola problematica debba essere affidata al professionista maggiormente esperto della materia non essendo più ammissibile la figura dell’avvocato “generalista” che difficilmente potrà conoscere a perfezione tutte le materie dell’ordinamento giuridico.

Recenti pubblicazioni

TROVI UN CELLULARE SMARRITO DAL LADRO CHE LO AVEVA SOTTRATTO? SE TE NE APPROPRI RISCHI LA CONDANNA PER FURT

Appropiarsi di una cosa rubata ed abbandonata dal ladro, configura il reato di furto (art. 624 C.P.) in quanto, per l’appunto, la cosa sottratta e poi abbandonata dal ladro non costituisce “res derelicta” appropriabile da chiunque, posto che non vi è abbandono senza una volontà in tal senso dell’avente diritto (proprietario) e tale non può essere considerato il ladro. Ne deriva che la cosa rubata, una volta abbandonata dal ladro, deve considerarsi nuovamente in possesso del legittimo proprietario (Cass., sez....

entrare nella casella di posta elettronica di una terza persona senza autorizzazione è reato.

Integra il reato di cui all'articolo 615-ter  del Cp (accesso abusivo a sistema informatico), la condotta di colui che accede abusivamente all'altrui casella di posta elettronica, trattandosi di uno spazio di memoria, protetto da una password personalizzata, di un sistema informatico destinato alla memorizzazione di messaggi, o di informazioni di altra natura, nell'esclusiva disponibilità del suo titolare, identificato da un account registrato presso il provider del servizio. Né, in senso contrario, potrebbe  risolversi l’offensività  della condotta entro il perimetro declinato...

SEI PASSEGGERO E RIMANI COINVOLTO IN UN SINISTRO STRADALE? NON RISPONDI DEL REATO DI OMISSIONE DI SOCCORSO O FUGA A PATTO CHE…

La Cassazione ha recentemente affermato (sentenza n. 26888 dd. 19.06.2019) che, in caso di sinistro stradale, il passeggero non ha l’obbligo di imporre al conducente di un veicolo a motore di fermarsi per prestare soccorso ed assistenza. Secondo la Corte, in particolare, il Codice della Strada all’art. 189, distingue quattro figure: l’utente della strada, il conducente, le persone coinvolte in un incidente e le persone danneggiate. Nello specifico, la categoria delle persone coinvolte nell’incidente è da ritenersi più ampia di quella...

SINISTRO STRADALE CAUSATO DA UN CASSONETTO POSIZIONATO MALE? IL COMUNE E L’AZIENDA RIFIUTI SONO OBBLIGATI IN SOLIDO A RISARCIRTI.

La Suprema Corte di Cassazione (sentenza n. 15860 dd. 13.06.2019) ha affermato che, nel caso di sinistro stradale verificatosi a causa ed in conseguenza del mal posizionamento sulla sede stradale di un cassonetto, a risponderne in solido sono sia il Comune, sia la società che gestisce lo smaltimento dei rifiuti. Si tratta, in particolare, della responsabilità per omessa custodia di cui all’art. 2051 c.c. Nel caso di specie, un motociclista, incrociando un altro veicolo proveniente dal senso opposto di marcia, accostandosi...

Leggi tutti gli articoli