Lo Studio Legale Tonon è una realtà professionale giovane e dinamica che offre attività di consulenza e assistenza legale principalmente nel campo del diritto penale e civile, avvalendosi di professionisti operanti prevalentemente in dette materie.

L' Avv. Alessandro Tonon, dopo la laurea conseguita presso l’Università degli Studi di Trento, si forma professionalmente attraverso lo studio e l’approfondimento di tematiche attinenti il diritto penale, senza trascurare una formazione civilistica.

Lo Studio si avvale inoltre della collaborazione di professionisti che svolgono la loro attività prevalentemente nei settori del diritto civile e del diritto del lavoro che consentono allo Studio di offrire ai propri clienti una consulenza ed assistenza interdisciplinare. Si ritiene infatti che ogni singola problematica debba essere affidata al professionista maggiormente esperto della materia non essendo più ammissibile la figura dell’avvocato “generalista” che difficilmente potrà conoscere a perfezione tutte le materie dell’ordinamento giuridico.

 

In particolare in materia penale, lo Studio offre tra l’altro, assistenza e consulenza a coloro i quali, nella veste di indagati, imputati, persone offese o danneggiate dal reato, si trovino ad affrontare procedimenti penali  in materia di stupefacenti, di reati contro la persona (omicidio, percosse, lesioni personali dolose e/o colpose, omicidio preterintenzionale, pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili, morte o lesioni come conseguenza di altro delitto, omicidio colposo), contro la libertà personale (sequestro di persona, violenza sessuale, atti sessuali con minorenne), contro il patrimonio (furto, rapina, estorsione, sequestro di persona, ricettazione, estorsione), contro la P.A. (violenza o minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, peculato, omissione d’atti d’ufficio, concussione, corruzione), reati tributari, reati stradali (lesioni e omicidio stradale, guida in stato d’ebbrezza, omissione di soccorso), reati da malpractice medico-sanitarie, reati in materia di violazione delle norme  sulla sicurezza sul lavoro; reati informatici (accesso abusivo a sistema informatico), reati di bancarotta e reati fallimentari.

In materia civile, lo Studio offre assistenza sia in sede stragiudiziale che in caso di contenzioso, nel diritto di famiglia (separazioni, divorzi), nel diritto delle obbligazioni, nei diritti reali (il diritto di proprietà, diritto di superficie, l’enfiteusi, l’usufrutto, l’uso, l’abitazione, le servitù prediali, il pegno, l’ipoteca), nelle successioni a causa di morte, nella responsabilità civile.

Particolare focus viene dato al settore del risarcimento del danno da sinistri stradali, da colpa medica e infortuni sul lavoro, tutelando gli interessi delle vittime e dei loro prossimi congiunti. In particolare, in caso di eventi mortali o di sinistri in cui la persona abbia riportato lesioni gravi o gravissime, (comprese le perdite di chance ed il risarcimento dei danni riportati dai congiunti), si presta assistenza sia nella fase stragiudiziale che giudiziale.

Quand’anche la sede dell’attività svolta investa principalmente il territorio di Bolzano e Provincia (Brunico, Bressanone, Vipiteno, Silandro, Merano), gli avvocati dello Studio operano anche su altri Fori italiani.

Recenti pubblicazioni

STUPEFACENTI: IL SUPERAMENTO DEL LIMITE QUANTITATIVO NON DEVE SUGGERIRE AUTOMATICAMENTE IL FINE DI “SPACCIO”

La Suprema Corte di Cassazione ha nuovamente chiarito come la detenzione di un quantitativo di droga superiore al limite tabellare previsto dall’art. 73, comma 1 bis, lettera a), D.P.R. 309/1990, non possa e non debba costituire prova decisiva della destinazione della sostanza stupefacente stessa allo spaccio. In sostanza per il supremo organo di legittimità, il superamento dei limiti tabellari non comporta un inversione dell’onere della prova a carico dell’imputato, come se fosse quest’ultimo a dover dimostrare di utilizzare la droga a...

MATRIMONIO ROVINATO DALLA DITTA DI CATERING? PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DEVE ESSERVI UN INDICAZIONE SPECIFICA DEI DANNI SUBITI

Secondo la Cassazione (sentenza n. 26485/2019 dd. 17.10.2019) il danno c.d. esistenziale, deve essere provato e deve consistere nel radicale cambiamento di vita, nell’alterazione della personalità e nello sconvolgimento dell’esistenza del soggetto, ne consegue che la relativa allegazione deve essere circostanziata e riferirsi a fatti specifici e precisi, non potendo risolversi in mere enunciazioni di carattere generico, eventuale e ipotetico. Nel caso di specie, due novelli sposi avevano lamentato il grave inadempimento della società di catering. In sostanza, secondo i coniugi,...

IL MODELLO DI CONSTATAZIONE AMICHEVOLE DI INCIDENTE (CAI) NON HA VALORE DI PIENA PROVA

La Cassazione (sentenza n. 25770/2019 dd. 14.10.2019), ha affermato che in caso di sinistro stradale, il modulo di constatazione amichevole, non ha valore di piena prova, ma deve, al contrario, essere liberamente apprezzata dal giudice. Nella medesima occasione, gli Ermellini hanno altresì ricordato che nel giudizio promosso dal danneggiato nei confronti dell’assicurazione, il responsabile del danno, deve essere chiamato nel giudizio sin dall’inizio, in quanto assume la veste di litisconsorte necessario, poiché la controversia deve svolgersi in maniera unitaria tra i...

PUÒ ESSERTI CONTESTATO IL REATO DI GUIDA IN STATO DI EBBREZZA ANCHE SE HAI GIÀ PARCHEGGIATO

Secondo l’ultimo approdo della Corte di Cassazione, il reato di guida in stato di ebbrezza può essere contestato anche se l’auto è già stata parcheggiata. Per ritenersi sussistente la fattispecie criminosa di cui all’art. 186 C.d.S., infatti, è sufficiente la prova che il veicolo sia stato guidato poco tempo prima. L’art. 186, comma 7, C.d.s., sanziona la condotta del “conducente” di un mezzo che rifiuta di sottoporsi all’esame alcolimetrico richiesto dagli agenti della polizia in caso di incidente stradale ovvero “quando...

Leggi tutti gli articoli